cover sondaggio Linkedin 2018

So che vi aspettavate l'articolo sulle redirezioni javascript...

... e invece tanto per cambiare, mi è venuta un'idea. Con lo scandalo di Facebook e mi aspetto una fuga professionale dal network dei perditempo© per definizione e Linkedin rappresenta il "network serio©" dove lavorare invece che giocare a Farmville.

Che poi è vero che non tutti lo usano allo stesso modo:

  • c'è chi lo usa per cercare lavoro come dipendente
  • c'è chi lo usa per cercare lavoro come consulente
  • c'è chi lo usa per vendere, con varie declinazioni (prodotti, servizi, corsi, fuffa).
  • c'è infine chi lo usa per fare divulgazione abbinato magari ad altri canali (youtube, slideshare, ecc.)
  • c'è chi lo ha usato per contattare una donna attraente, ma siamo comunque rimasti buoni amici. :D

Premesso quindi che gli usi sono i più svariati, escludendo l'ultimo punto, la possibilità di ottenere contatti lavorativi è fondamentale.

Mi sono quindi posto alcune domande:

  • La reach effettiva quanto è ? Pari o inferiore alla mia visibilità teorica ? (contatti + followers che non sono contatti)
  • Linkedin non è oscenamente pieno di contenuti, la durata della visibilità crolla rapidamente o si deteriora nel tempo?

Per cui mi sono detto "facciamo un esperimento dal basso e vediamo cosa esce fuori".

E per non farmi influenzare da fattori esterni ho ignorato qualsiasi guida esistente: insomma non ho fatto una ricerca.

IL TEST

Il test linkedin

Ho voluto simulare le condizioni peggiori:

  • un solo post testuale
  • niente immagini
  • una richiesta di commento semplice (data e ora)

La prima considerazione è sulle persone

Mannaggia a chi non ha messo la data e solo l'ora. Fortunatamente è possibile ordinare per cronologia, ma dopo due settimane alcuni commenti che contenevano solo l'ora erano fraintendibili come data.

Questo comunque dimostra che Facebook ci ha rovinato e che

  • non
  • leggiamo
  • in
  • maniera
  • attenta.
  • E che servono liste di punti per ficcare in testa i concetti.

Passiamo ai dati!

Versione breve: Il risultato è stato pazzesco come reach e deludente come engagement.

Nel dettaglio:

  • Lo status è stato "visto" 11.500 volte dal 21 marzo
  • Ho ricevuto 80 commenti (di cui 67 utili a fare una ipotesi di reach e 9 like!
  • Il grosso dei commenti è avvenuto nei primi 4 giorni, poi è andato deteriorandosi
  • Un kudos virtuale a Chiara Melotto che ha commentato il giorno prima di pasqua! (oh, proprio non avevi di meglio da fare? :) )

Giorni dei commenti

  • Anche dal punto di vista degli orari c'è qualche sorpresa, per quanto distribuita, la frequenza di risposta ha avuto due picchi di orario.

Orari dei commenti linkedin

  • Chiaramente questo grafico non vuol dire molto, perchè significa solo che la mia audience ha deciso di rispondere con più frequenza alle 14 e alle 18. Per una attività di reach organica questo non avrebbe importanza, mentre per attività di reach a pagamento probabilmente sarebbe da collaudare!

Considerazioni aggiuntive

  • La reach organica si auto-alimenta ottenendo commenti e interazioni (come è stato indicato da alcuni commenti), quindi per avere visibilità (e possibilmente contatti) bisogna stare su linkedin, invogliare la reazione e proseguire la conversazione.

  • Linkedin è una schiappa con le notifiche (o forse per fortuna, così la gente non si stufa), quindi se il vostro obiettivo è quello di acquisire contatti, dovete farvi un promemoria e tornare tutti i giorni a controllare se ci sono notifiche di commenti e like.

  • La percentuale di views del primo livello di contatti era circa un 10% del secondo livello di contatti. Purtroppo non so come mai il grafico che illustrava la proporzione non esce più nelle statistiche del post :( La morale è che bisogna scegliere bene i contatti per avere rilevanza e risonanza.

  • Sono stato visto da aziende (anche grandi) e figure con le quali non interagisco abitualmente! Essendo una forma di awareness potrebbe essere utile in futuro, in un'ottica di sviluppare un piano editoriale.

Visibilità aziende su Linkedin

  • la propagazione organica avviene orizzontalmente: se una persona che appartiene ad una azienda fa un commento, Linkedin segnala la conversazione a quelli che fanno parte della stessa azienda con la quale la persona ha una relazione.(ecco perchè appaiono i grossi nomi come Paypal o Accenture o Ey). Quello che sarebbe interessante capire è come avviene questa propagazione! Quello che sappiamo è che nel feed ci sono diverse fonti:

    • le nostre connessini
    • le persone che seguiamo (ma che non sono contatti)
    • le aziende
    • le tematiche

Componenti del feed di Linkedin

  • La condivisione dei contenuti tramite una pagina aziendale su linkedin, ha MOLTI più dettagli da quello che ci dice Linkedin. Se ne avete modo condividetemi i vostri esperienti.

Concludendo

  • Se ben stimolata la visibilità di Linkedin è buona
  • E' necessario chiudere i vostri contenuti con una call to action "provocatoria" che inviti al commento e alla discussione
  • Serve del tempo per stare dietro alle interazioni!
  • Tramite i "livelli" di contaminazione, un buon contenuto potrebbe essere propagato ad altre persone oltre la solita fascia di conoscenti.
  • Bisogna estendere la rete dei contatti in maniera scientifica, quindi per esempio se andate ad eventi di settore, raccogliete biglietti da visita e poi aggiungete le persone su linkedin.
  • Profilo personale o Profilo aziendale? Sono ancora in dubbio su quale usare. Come consulente il profilo personale identifica me con il mio brand, come azienda divento più opaco ma posso probabilmente accedere ad opportunità differenti.

E voi ? Che ne pensate?